La sessualità e le deiezioni ( STORIA DELL’EROTISMO) a cura di Franco della – Fazi editore

 

…] con la pratica del lavoro, l’umanità segna il « passaggio dall’animale all’uomo ». L’’uomo è un animale che nega la natura: la nega attraverso il lavoro, col quale la distrugge e la cambia in un mondo artificiale, la nega nella fattispecie dell’attività creatrice della vita, la nega sotto la specie della morte. Il divieto d’incesto è uno degli effetti della nausea rivolta alla condizione bestiale da parte dell’animale: che stava diventando umano. Le forme dell’animalità si trovarono escluse da un mondo rischiarato, che stava assumendo il senso dell’umanità.
[…] Gli uomini seppure rinchiudere entro limiti ristretti – entro i quali fu, appunto, al suo posto – il mondo della carne animale, eppure mai vollero sopprimerlo. Non avrebbero nemmeno potuto pretenderlo; dovettero accontentarsi di farlo sparire, ritirandolo dalla luce e confinandolo nella notte, dov’è sottratto all’attenzione. Il posto dell’immondizia è nell’ombra, dove gli sguardi non possono scorgerla. Il segreto è la condizione dell’attività sessuale, com’è quella dell’adempimento dei bisogni naturali.
 
[…]
Questo mondo umanizzato, l’abbiamo ordinato a nostra immagine cancellandovi perfino le tracce della natura… […]
L’umanità nel suo insieme assomiglia ai parvenu che si vergognano delle loro umili origini…
 
Georges Bataille – STORIA DELL’EROTISMO – a cura di Franco Rella –  Fazi Editore
traduzione Susanna Mati
 
 
Lorena Melis 
 
Annunci

Informazioni su lorenamelis

Artista pittore, Poeta,
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...