Analogie e paradigmi. Un’intervista a Giorgio Agamben.

hæcceit@s web

Fuori dall’Italia viene considerato uno dei pensatori più influenti della contemporaneità, capace, con le sue ricostruzioni storico-filosofiche, di “illuminare” i dispositivi che regolano il nostro stare in “comunità”.

All’interno dei confini nazionali è pressochè sconosciuto se non tra gli addetti ai lavori. “Posto” questa interessantissima intervista, realizzata da Roberto Andreotti e Federico De Melis, perchè costituisce una sorta di autobiografia intellettuale in cui Agamben descrive se stesso, le sue esperienze filosofiche e i suoi lavori.

                                                    _____________________________

Alias, supplemento settimanale de Il manifesto, 9 settembre 2006, anno, 9, n. 35 (420), pp. 1-5, 8

Intervista a cura di Roberto Andreotti e Federico De Melis.

R.A. Giorgio Agamben, l’idea sarebbe di descrivere il suo pensiero attraverso una topografia esistenziale, i luoghi della vita, diciamo. Ma già queste due parole, «luoghi» e «vita», si prestano a un piccolo preliminare metalinguistico, no?

Agamben Di recente mi sono divertito, con uno scanner…

View original post 6.476 altre parole

Annunci

Informazioni su lorenamelis

Artista pittore, Poeta,
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...